Sano, buono e naturale?

In montagna c’è l’aria buona!

Quando si mangiano i ‘prodotti di proprietà’ (così dicono i sardi per intendere ‘del contadino’) si sta’ meglio!

La vita a contatto con la natura è sana!

…….

Ognuna di queste affermazioni è vera, difficile contraddirla, ma…

….siamo sicuri che l’uomo di oggi sia in sintonia con il solo ‘paesaggio naturale’?

E cosa si intende per ‘paesaggio naturale’?

Se metto delle piante in casa sono salvo??!!?

Il bene psicologico, il godimento intellettuale, l’estetica del costruito, il fascino dell’estraneo,…, dove li mettiamo?

Non possiamo esimerci dalla complessità, è ingenuo cadere in luoghi comuni, troppo semplicistici e… troppo comuni!

Se andiamo tutti a vivere, in ‘maniera sana’, in campagna, la campagna perde la sua essenza, le città si svuotano, e quindi diventano ‘sane’?!!

Cosa si intende poi per sano? Che non fa male alla pancia? E alla testa fa male? BhooooooooOOO

Su queste tematiche per me è un maestro assoluto James G. Ballard per esempio nel suo romanzo Super-Cannes, Feltrinelli 2000, ed. orig. 2000

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *