Connesso-Assente-Non disturbare-Invisibile-Non in linea

Ecco le categorie che Skype offre per definire il proprio stato.

Non posso fare a meno di chiedermi come sono state scelte…quello che attrae maggiormente la mia curiosità, è Invisibile, ci sono o non ci sono?

Ed ecco che nella realtà virtuale, un Assente si ritrova a comunicare con un Invisibile, a metà chiamata interviene, in condivisione, un Non-disturbare o addirittura un Assente, quest’ultimo un vero bluff, c’è, ma non ha il coraggio di dichiarare la sua incerta presenza definendosi Invisibile….

Tutto questo mi diverte e mi fa riflettere….

Ci nascondiamo dietro a delle nuvolette colorate, che non necessariamente rappresentano il nostro reale stato, perché ci diverte!!?

Per me è questa la più importante lettura (o almeno quella in cui mi riconosco), rimaniamo sempre un pò bambini, abbiamo voglia di ironia ma spesso la nostra quotidianità ce la nega, e allora la andiamo a sfogare in rete.

In rete troviamo sempre nella nostra homepage, un Facebbok premuroso che ci chiede: “a cosa stai pensando?”, e magari i nostri amici-colleghi-familiari non ce lo chiedono da un paio di mesi….una sorta di divertente coccola, dove sembra che a tutti possa interessare conoscere i nostri pensieri, vedere i nostri lavori, condividere i nostri viaggi.

Lo spauracchio anni ’80 della serata diapositive, per vedere il viaggio fatto dagli amici, si è trasformata nella creazione di infiniti album, chiunque li può sfogliare e tutti ne sembrano entusiasti….mica male!

E’ evidente però che di gioco si tratta, ognuno pubblica e condivide per se stesso…

…la donna Invisibile vi saluta pensando a “chissà chi mi leggerà oggi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *