Registro

Registro

Ogni classe ha il suo registro, che rimane in aula.

Mi viene consegnato anche il registro della collega che sostituisco….di identità ignota, non ne conosco l’età, lo stile, il metodo, ma leggo la sua calligrafia straordinaria, ricercata, armoniosa, delicata….credo eseguita con un pennino fine fine!

Provo imbarazzo a segnare la sua “Bibbia”, riassunto e scrigno di ogni classe, di ogni alunno, con la mia stilografica invadente, tratto grosso…ma soprattutto con la mia grafia, da sempre per me un cruccio, oggetto di continuo esercizio e soggetto di una personalità grafica mai consolidata, sempre in divenire…

Si avvicina una ragazza/bambina, vuole andare in bagno,….si ferma guardando il mio quadernino….

pausa

Tutti quelli che insegnano Arte e Immagine scrivono così bene?

Lei non conosce il mio tormento, testimone esterna della mia fase “Stile Scrittura 3458”, inietta, inconsapevole, la giusta dose di fiducia…affronto il registro!

L’esame scrittura lo ho passato…ora mi rimane di augurarmi di aver avuto consenso anche in disegno e verbo…..

ma questo è un altro racconto!

😉

 

Nonostante l’esperienza fatta, confesso di sentirmi io alla prova…..e un po è così….sempre e ovunque!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *