Per i nomadi contemporanei

Un vecchio container senza porte, diventa un luogo di comunicazione tra micro-architettura e contesto. Questa è l’idea di fondo che ha animato i progettisti.
Sono state rimosse un terzo delle pareti metalliche, oltre alle porte per migliorare la ventilazione naturale all’interno.

Questo contenitore è stato trasformato in una polivalente struttura trasportabile. Un padiglione per gli eventi, come ad esempio una casa da tè o una capanna in spiaggia.
I progettisti hanno optato per soluzioni eco-friendly, tanto che hanno voluto rafforzare la sostenibilità intrinseca del contenitore riutilizzato, e l’acqua piovana viene raccolta attraverso un sistema di tubi, che collega il soffitto al pavimento.
L’interno è organizzato su due livelli: quello aperto ha le piattaforme di legno che si aprono sul terreno a formare un portico che lo collega direttamente con l’ambiente, mentre la parte sollevata è più intima, per pause o per dormire.
Un contenitore creativo che ha percorso più di 6.000 chilometri in tutta la Cina, dimostrando non solo il suo fascino, ma anche la sua natura pratica e attraente – l’habitat ideale per i nomadi contemporanei.

😉

 

Luogo di realizzazione: Pechino, Cina
Area di progetto: 15 m2
Progettazione e gestione del progetto: Pechino Jikerzhicheng Product Design Consulting Co., Ltd.
Web: http://jike.lvshedesign.com
Direttore Design: Keli Mo
Designers: Yang, Zhang, Feng
Tempo di percorrenza: 10 agosto 2012
Foto: Per gentile concessione di Pechino Jikerzhicheng Product Design Consulting Co., Ltd.

Una risposta a “Per i nomadi contemporanei”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *