Milano d’acqua

Umberto Garboli e Antonio Pelacani, durante il mio corso di Urban Design di quest’ anno, hanno sviluppato un ‘romanticissimo’ progetto:

utilizzando delle vernici idro-sensibili, hanno immaginato di portare alla luce, nei giorni di pioggia, la Milano d’acqua – perché Milano era piena di canali che a un certo punto sono stati intombati per favorire la circolazione su ruote.

Grazie a segni a terra (invisibili nei giorni di sole) e a piccoli amplificatori, aggiunti al sistema di illuminazione esistente che riproducono il suono dell’acqua, il loro progetto sarebbe in grado di risvegliare la memoria degli anziani e presentare, tramite un racconto sensoriale, la città che era – tutto questo nei giorni grigi o utilizzando degli idranti…

😉

Grazie ragazzi!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *