Abitare l’Abbandono

Miranda Biondi e Luca Cremona hanno proposto una riflessione articolata e completa per ‘accendere l’interruttore su Porta Romana’, la fase 0, l’inizio, è stato realizzare un campo da gioco 😉

«Non dominavano la scena né in quanto individui né in quanto folla, si poteva dire. La dominavano come si potrebbe fare con un’opera d’arte, per misteriosa che sia: nessuno riusciva a cogliere il significato di questa stanza, dato che stava mutando, si stava trasformando in tutto ciò che una stanza non è; viverla era come camminare su una scala mobile molto scivolosa. Nessuno ci riusciva, se non comportandosi come una mano che cerca di raccogliere dei vetri rotti – un atteggiamento di cui vi abbiamo già parlato. Era un modo di agire che limitava e caratterizzava quasi tutti. »

Fitzgerald Francis Scott, Tenera è la notte, Milano, Baldini Castoldi Dalai editore S.p.a, edizione 2011, p.172, traduzione di Alessio Cupardo.

book_abitarel’abbandonoSmall

for u_Il progetto è stato realizzato nello Scalo di porta Romana per denunciare la situazione attuale che si presenta ed anche per desiderio dei ragazzi della casa famiglia. Le forme alternate creano il campo, sono stati utilizzati colori complementari simbolo dell’intero progetto “Abitare l’abbandono”. Realizzato con vernice ad acqua e rulli. dimensioni 20×15 m.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *